domenica 20 marzo 2011

L'Italia che cambia

Quando ero giovane, ormai un bel pò di anni fa, mostrare un tricolore voleva dire appartenere ad una parte politica ben definita.

Per molti era una vergogna portare una bandiera italiana ad una manifestazione, tanto meno appenderla fuori dal balcone.

Non era certamente così se si trattava di calcio, perché il calcio in Italia è un mondo a parte, infatti solo quando giocava L’Italia ci si ricordava di essere italiani.

Quando poi l’Italia ha vinto il campionato del mondo tutti avrebbero voluto  girare per il paese con una bandiera in mano; ma questo è un discorso a parte.

In questi giorni, televisione e giornali stanno facendo di tutto per convincerci che siamo tutti italiani e come tali dobbiamo essere orgogliosi di questo Paese.

Mi viene spontaneo chiedermi come mai negli anni passati nessuno si è preso la briga di ricordarci questo evento e se le bandiere che ho visto in giro questi giorni vengano dalla Cina, visto che in Italia di aziende tessili ne sono rimaste ben poche.

MN





1 commento:

  1. non mi faceva fremere prima, meno che mai ora. Che significa essere italiani? Mi sento cittadina del mondo!!!

    RispondiElimina